Matteo Bossetti e Silvia Cuminetti timbrano la terza edizione della Scaldagambe Winter Trail

Si rinnova per il terzo anno consecutivo la festa del trail running a Carvico con la Scaldagambe Winter Trail. Numeri e livello: 500 runner in griglia e battaglia di classe nelle posizioni di testa. Vince Matteo Bossetti anticipando Fabio Bazzana e Cristian Minoggio. In rosa Silvia Cuminetti non fa sconti e lascia dietro Sara Rapezzi e Maria Eugenia Rossi.

Cinquecento atleti si sono presentati ai nastri di partenza della terza edizione della Scaldagambe Winter Trail – memorial Savino Laurora, la gara di apertura stagionale in bergamasca confezionata dall’Asd Carvico Skyrunning. Un percorso che si presta sia per gli stradisti che per i corridori di montagna, 16 km di sviluppo e 550 metri di dislivello in salita sui sentieri del monte Canto con partenza e arrivo a Carvico (Bg).

Pronti via alle ore 9.00 dall’oratorio di Carvico e i primi a farsi largo nell’infinito serpentone del gruppo, sulla salita iniziale, sono stati Fabio Bazzana (Valetudo Serim) e Danilo Brambilla (Falchi Lecco), con Brambilla che è transitato davanti a tutti sul gpm di Santa Barbara (località di Sotto il Monte). All’inseguimento Matteo Bossetti, Cristian Minoggio e Paolo Poli. Quando la strada ha cominciato a scendere, si è fatto avanti Matteo Bossetti (Atletica Valli Bergamasche); partito in sordina, con una gara in crescendo ha raggiunto i battistrada. La situazione si è modificata e al comando si è formata la coppia Bazzana e Bossetti.

I due hanno corso appaiati fino ai meno due dalla conclusione. A quel punto Bossetti ha messo la freccia su Bazzana ed è andato tutto solo a tagliare il traguardo completando la gara in 1h06’33”. «Bella gara e percorso ottimamente segnalato, sono felice del risultato, una buona indicazione sul mio stato di forma in vista degli appuntamenti di primavera», ha dichiarato il vincitore. Accusando un ritardo di 30” Bazzana ha conquistato il secondo gradino del podio in 1h07’03”. A far loro compagnia sul podio Cristian Minoggio (Valetudo Serim), terzo in 1h08’43”. Nella top ten Andrea Rota – secondo lo scorso anno -, Paolo Poli, Danilo Brambilla, Clemente Belingheri, Vincenzo Persico, Luca Rota e Giambattista Micheli.

La gara in rosa è stata caratterizzata dall’assolo di Silvia Cuminetti (Gav Vertova), la campionessa bergamasca, mamma di tre bambini, che quando veste un pettorale non fa sconti a nessuno. Ha concluso a braccia alzate in 1h20’55”. Dietro di lei Sara Rapezzi (Osa Valmadrera) seconda in 1h25’25”. Sul collo di Maria Eugenia Rossi (Valetudo Serim) la medaglia di bronzo, 1h26’57’ il suo tempo finale. Fra le migliori dieci Monica Vagni, Cecilia Pedroni, Umberta Magno, Giovanna Cavalli, Giuliana Arrigoni, Laura Tiraboschi, Marta Tresoldi.

Il presidente dell’Asd Carvico Skyrunning Alessandro Chiappa è entusiasta. «Tutto è filato liscio, un fiume di partecipanti e tanta qualità, segno che la Scaldagambe piace ed è davvero una gara per tutti. Come la definisco io, “la corsa giusta per chi si approccia a questa disciplina”. Vedere da vicino la battaglia fra Bossetti e Bazzana è stato emozionante. L’Asd Carvico Skyrunning ha un nuovo assetto e dal punto di vista organizzativo tutto lo staff si è rivelato pienamente all’altezza, complimenti a loro, e grazie infinite a tutti i volontari che ci hanno supportato dando un apporto fondamentale, grazie anche agli enti che ci sono vicini e a tutti gli sponsor».

Per l’Asd Carvico Skyrunning è solo l’inizio di un anno scoppiettante. Il prossimo evento firmato dal sodalizio orobico è vicino: il 25 marzo sempre a Carvico si disputerà la Sky del Canto. E le iscrizioni sono già aperte.

Enula Bassanelli

Leggi qui l’articolo completo su Montagna Express